Gli studi hanno dimostrato che i primi anni di vita rappresentano il momento ideale per introdurre una seconda lingua.
Pur essendo un’esperienza arricchente per tutta la famiglia, l’insegnamento di più lingue a un neonato può essere un compito arduo, soprattutto per chi non ha familiarità con il bilinguismo infantile e non è necessariamente madrelingua nella seconda lingua. Vediamo insieme i metodi migliori per crescere un bambino bilingue con alcuni suggerimenti pratici e risorse di supporto per l’apprendimento.

Benefici del bilinguismo infantile

Il bilinguismo infantile è sempre più diffuso nella società odierna. Tuttavia, non tutti sanno che esso comporta numerosi vantaggi oltre alla competenza linguistica acquisita.

Infatti, i bambini bilingui:

  • Sviluppano una maggiore capacità di attenzione e una migliore memoria.
  • Riescono ad adattarsi facilmente al cambiamento o a situazioni complesse.
  • Sviluppano maggiore creatività e flessibilità di pensiero.
  • Hanno migliori capacità comunicative.
  • Sono più empatici e aperti verso le altre culture.
  • Potranno contare su più opportunità di carriera quando saranno grandi.
Per aiutarti a crescere bambini bilingui scarica subito gratuitamente
la tua Guida e tante Routine pratiche.
clicca qui

L’età migliore per insegnare le lingue

Nei primi sette mesi di vita, il cervello è altamente ricettivo agli input linguistici e ai suoni prodotti da ogni singola lingua, il che rende facile per i neonati acquisire più lingue contemporaneamente. Questa abilità inizia a diminuire man mano che i bambini crescono, in quanto iniziano a specializzarsi nei suoni e nelle strutture delle lingue a cui sono esposti regolarmente.

Introdurre una seconda lingua fin dalla nascita di un bambino è la scelta migliore per facilitarne l’apprendimento e per abituare il genitore a utilizzare quell’idioma, che sia o meno la sua madrelingua.

Dopo il primo anno di vita, sarà infatti richiesto più impegno e tempo per raggiungere la stessa padronanza e acquisire la stessa abitudine.

Metodi per insegnare le lingue ai neonati

Esistono diverse strategie per inserire le lingue nella routine quotidiana e insegnarle ai piccoli di casa. Vediamo insieme quelle che, a mio avviso, risultano più efficaci per rendere i bambini bilingui fin dalla nascita. L’approccio migliore dipende in ogni caso dal background della famiglia, dalla routine quotidiana e dagli obiettivi e aspettative che ci poniamo.

Una persona una lingua (One Person One Language, OPOL)

Il metodo OPOL è particolarmente indicato quando i genitori sono entrambi madrelingua oppure quando uno dei genitori parla fluentemente la seconda lingua. Secondo questo approccio, ciascun genitore deve parlare costantemente una lingua diversa al bambino per garantire un’esposizione regolare a entrambe le lingue.

Tempo e luogo (Time and Place, T&P)

Secondo il metodo T&P, una lingua deve essere associata a determinati orari, luoghi o attività. Ad esempio, potresti decidere di utilizzare l’inglese solo il pomeriggio oppure solo quando ti trovi con il bambino in camera da letto. Ti consiglio questo approccio se hai bisogno di creare una routine strutturata per l’esposizione linguistica e vuoi garantirti un’esperienza costanze, organizzata ed efficace.

Politica linguistica mista (Mixed Language Policy, MLP)

Il metodo MLP prevede che si parlino più lingue nella stessa conversazione e nelle stesse frasi. Questo approccio consente un uso più naturale di entrambe le lingue, però richiede grande flessibilità e padronanza di entrambe le lingue da parte dei genitori del bambino.

Per aiutarti a crescere bambini bilingui scarica subito gratuitamente
la tua Guida e tante Routine pratiche.
clicca qui

Frasi per neonato in inglese

Una strategia efficace per insegnare le lingue ai neonati consiste nel descrivere sempre quello che si sta facendo nel corso della vita quotidiana. Tuttavia, quando si tratta di neonati, è importante scegliere bene cosa si dice e come lo si dice. Ti consiglio di selezionare parole semplici e ripetitive, mantenendo una voce calma e rassicurante e cercando sempre il contatto con gli occhi del piccolo.

Se vuoi introdurre l’inglese, ecco una lista di frasi che puoi usare con il tuo piccolo con la loro traduzione in italiano:

  1. Hello, little one!
    Ciao, piccolino!
  2. Are you hungry?
    Hai fame?
  3. It’s time for din-dins.
    È ora della pappa.
  4. Do you want more milk?
    Vuoi ancora latte?
  5. What a big yawn!
    Che grande sbadiglio!
  6. Are you sleepy?
    Sei assonnato?
  7. Now, you go to beddy-bye.
    Adesso vai a nanna.
  8. Nighty night, baby!
    Buonanotte, piccolo!
  9. Here is your binky.
    Ecco il tuo ciuccio.
  10. Let’s change your nappy.
    Cambiamo il tuo pannolino.
  11. Your poo-poo is smelly.
    La tua popò è puzzolente.
  12. Look at the pretty colors.
    Guarda i bei colori.
  13. Time for a bath.
    È ora del bagnetto.
  14. Somebody’s got an ouchie. Let’s give it a little kiss!
    Qualcuno qui ha la bua. Diamole un piccolo bacio.
  15. Mommy/Daddy loves you.
    La mamma/il papà ti ama.
  16. Give me a big smile.
    Fammi un grande sorriso.
  17. Let’s go for a walk.
    Andiamo a fare una passeggiata.
  18. You’re so strong!
    Sei così forte!
  19. It’s playtime!
    È ora di giocare!
  20. I’m here with you.
    Sono qui con te.
  21. Woof-woof says the dog!
    Il cane fa bau bau.

Materiali utili per l’apprendimento dell’inglese durante l’infanzia

Se l’inglese non è la tua prima lingua e hai delle difficoltà a parlarlo, ricordati che puoi contare su risorse di qualità come supporto per l’apprendimento linguistico:

– Cartoni animati, giochi, canzoni e libri per bambini possono aiutarti ad esporre i tuoi figli o i bambini che segui come babysitter a diverse lingue, facendoli allo stesso tempo divertire.

– I percorsi di allegraLu sono l’esperienza ideale per essere accompagnati passo-passo in questa nuova avventura bilingue sotto ogni punto di vista: conoscitivo, organizzativo e linguistico, per garantirti un’esperienza efficace e molto positiva.

Conclusione

  1. I primi mesi di vita sono il periodo ottimale per insegnare le lingue ai bambini. Infatti, i neonati risultano particolarmente predisposti a imparare nuove lingue grazie alla loro maggiore flessibilità cerebrale.
  2. Per garantire l’apprendimento dell’inglese in questa fascia di età, è necessario ricreare un ambiente amorevole, selezionando parole e frasi che aiutino la famiglia a creare con il bimbo il giusto legame linguistico.
  3. Le strategie e le risorse che ti ho proposto in questo articolo, ti aiuteranno a iniziare il viaggio bilingue che cambierà per sempre la vita dei tuoi bambini.
Per aiutarti a crescere bambini bilingui scarica subito gratuitamente
la tua Guida e tante Routine pratiche.
clicca qui

Seguimi anche sui social, pubblico contenuti su Instagram, YouTube, Tik Tok e Facebook!

☀️ #allegralu

Lascia un commento

Social

Ora che mi hai trovato restiamo in contatto!

Vuoi la mia guida gratuita?

Iscriviti alla newsletter di allegraLu!

Ricevi subito la mia guida per crescere bambini bilingui: un quaderno pratico che ti aiuterà a introdurre subito una seconda lingua a casa. 

Inoltre riceverai il pacchetto “Risorse Extra” con altre routine da usare con i bambini per un percorso bilingue sempre stimolante e divertente.

Nella newsletter troverai mensilmente attività, giochi, letture e tanti suggerimenti per crescere bambini bilingui.

Leggi la Privacy Policy sul trattamento dei dati.