fbpx

Ho preparato questo video per rispondere a una neomamma che sulla mia pagina di AllegraLu mi ha chiesto di aiutarla a capire cosa comprare per il neonato.

Quando stiamo per avere un figlio, secondo riviste, siti on line e rivenditori vari, dovremmo spendere cifre enormi per fare tutto il corredo completo; non è quindi semplice capire cosa è veramente importante, utile e urgente.

Provo a darvi una linea guida sulla base della mia esperienza, fermo restando che ogni mamma darà più importanza ad alcune cose che ad altre in base alle proprie esigenze.

Cosa è necessario comprare per il neonato prima del parto?

Ci sono cose che, secondo me, sono davvero necessarie non appena il bambino nasce, ma altre che possono aspettare. Ecco alcune valutazioni fatte in base alla mia esperienza.

Il fasciatoio è un oggetto ingombrante, ma che non sempre è davvero necessario, poiché il bimbo può essere cambiato anche sul lettone o su un tavolo. Se decidi di acquistarlo perché hai spazio, o come il mio compagno, sei molto alto e ti è scomodo piegarti , o perché vuoi tenere tutto il necessario per la pulizia del bimbo in un unico posto, ti suggerisco un mobile che sia riutilizzabile.

Cosa è davvero utile…

Altra cosa importante, che per noi si è rivelato un acquisto fondamentale è stato il trio. È composto da un’unica struttura sulla quale inserire, a seconda dell’età e delle esigenze, un ovetto, la culla o il passeggino. Personalmente ne ho scelto uno con una struttura molto stretta, di modo da potermi muovere agevolmente anche nei passaggi più angusti. Quando stai scegliendo il trio, valuta anche che tipo di ruote ha la struttura. Pensa se lo userai prevalentemente su asfalto o su superfici lisce o se ti servirà molto anche per delle passeggiate in montagna o in spiaggia. Si può, ancora, scegliere il maniglione unico se pensi di condurre il passeggino con una mano o la doppia maniglia, più comoda per appendere borse o sacchetti.

L’ovetto è forse il pezzo che si sfrutta di più in quanto può servire sia come sdraietta nei primi mesi sia come seggiolino auto dotato di base Isofix per l’aggancio all’automobile.

La culla è fondamentale per i primi mesi in cui il bimbo deve stare sdraiato ma il suo uso dura molto poco e quella del trio è utilizzabile anche in casa al posto della classica culla di vimini, molto bella, sì, ma anche molto ingombrante.

…e cosa potrebbe non essere indispensabile.

Per quanto riguarda la vaschetta per il bagnetto, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Io i primi tempi facevo il bagnetto al mio bimbo nel lavandino. Successivamente ho preso una vaschetta da inserire nella vasca normale che ho usato fino all’anno di vita. Ci sono poi anche vaschette autonome con carico e scarico dell’acqua, ma molto dipende dagli spazi che hai a disposizione e se preferisci rimanere in piedi piuttosto che chinarti nella vasca.

C’è poi un oggetto che mi ha sempre fatto sorridere, fin dalla prima volta che l’ho sentito nominare: il mangiapannolini. In realtà si tratta di un bidoncino che isola gli odori e alla fine noi l’abbiamo comprato per riporvi i pannolini nelle stagioni calde. In inverno ci arrangiamo col classico sacchetto della spazzatura.

Nanna e riposino: come farlo stare comodo ed essere comodi anche noi.

Quando il bambino è molto piccolo, abbiamo detto, può dormire nella culla del trio, ma un’alternativa che ho trovato molto utile la Next2Me. Si tratta di una culla che si può agganciare al lato del proprio letto e che tiene il bambino alla stessa tua altezza: utilissima in caso di poppate notturne. Se invece hai già il lettino con le sponde, puoi sempre affiancarlo al tuo letto, abbassando una sponda e alzando la rete e l’effetto sarà lo stesso. Tieni presente, però, che i primi mesi il neonato è davvero molto piccolo e, se usi un lettino invece della Next2Me, sarà opportuno prendere un riduttore, per evitare che si trovi troppo spaesato.

Quando il bimbo sarà più grande l’ovetto potrà essere sostituito dalla sdraietta. Entrambi sono davvero molto utile per dare un posto comodo al bimbo quando lo porterai fuori casa, da amici o parenti. La sdraietta è un acquisto che io farei sicuramente, perché l’ho trovata una cosa davvero comoda. L’importante, nel marasma che un neonato porta nella vita di famiglia, è trovare le cose giuste per semplificarsi la vita. Personalmente ne ho avuta una che vibrava, ma so che ci sono anche che dondolano e conciliano il sonno.

Il corredino, ma senza esagerare!

Altre cose da comprare per il neonato possono essere gli asciugamani, la biancheria per culla o lettino e tutto il necessario per la pulizia del bimbo come lo shampoo, bagnoschiuma, spazzola e forbicine per le unghie con punte arrotondate. Finché il bambino ha pochi mesi, body e tutine basteranno, insieme a qualcosa che, inizialmente, possa contenere il bimbo in modo stretto e avvolgente, se nasce nella stagione fredda, procurati inoltre un paio di copertine della sua misura.

Cose utili, ma che possiamo acquistare anche più in là.

Mi riferisco ad esempio a bavaglini, biberon, tiralatte, ciuccio. Queste sono tutte cose che possono non servire da subito o anche non servire affatto. Quindi ti consiglio di aspettare per vedere quali saranno le reali esigenze tue e del bambino.

Un acquisto che invece ti suggerisco è sicuramente la fascia e il marsupio. Durante le passeggiate cullano dolcemente il piccolino e facilitano il contatto fisico tra mamma e bimbo. Il marsupio è importante che sia un prodotto di alta qualità che consenta la giusta postura nel bimbo e che aiuti, allo stesso modo, quella della mamma.

Anche il seggiolone serve solo dopo qualche mese: ce ne sono di tantissimi tipi quindi è bene valutare quello più funzionale per la casa in cui abiti.

A meno che non glieli regalino, giochi e carillon all’inizio non sono necessari e il bambino non se ne interessa molto.

Per concludere vi suggerisco nuovamente di prendere a prestito quanto più possibile!

I bambini crescono molto velocemente e l’uso di molte di queste attrezzature è davvero limitato nel tempo. Ti accorgerai, inoltre, che le idee che ti eri fatta prima del parto saranno stravolte subito dopo la nascita. Quindi il mio consiglio finale è: pochi acquisti subito per poter valutare con calma e man mano che il bambino cresce le tue e le sue esigenze.

Questo post, come ti dicevo, è frutto della mia personale esperienza, ma sono curiosa di sapere se tu hai fatto esperienze diverse: scrivile nei commenti!

Seguimi sui social, pubblico contenuti su Youtube, Facebook e Instagram!

☀️ #allegralu

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai gli aggiornamenti periodici delle mie iniziative e i pdf gratuiti della serie ENGLISH FOR PARENTS AND FAMILIES per cominciare a parlare inglese coi tuoi figli!

Avrò molto rispetto della tua casella di posta, ma potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice clic.