fbpx

Hai mai pensato, dopo la maternità di diventare una mamma freelance?

Le ragioni per cui si può desiderare una libera professione una volta diventate mamme sono molteplici. Puoi avere un posto di lavoro scomodo e lontano, avere ricevuto un no alla richiesta di part-time, aver subito comportamenti di mobbing o semplicemente non ti piace più il lavoro che fai. Vorresti quindi cambiare stile di vita per fare qualche cosa che ti appassiona e contemporaneamente ti dia maggiore flessibilità.

Secondo la mia esperienza, vediamo insieme cosa dobbiamo tenere in considerazione se vogliamo diventare mamme freelance.

Bisogna aver passione!

Iniziare da capo, magari se non si hanno più vent’anni, è impegnativo e faticoso. Se già hai una professionalità consolidata, sarà più facile per te “metterti in proprio”. Ma se pensi di iniziare qualcosa di nuovo è fondamentale che ci sia una grande passione per il nuovo mestiere che ti piacerebbe fare, per impegnarti nella formazione e per superare difficoltà e resistenze.

Devi essere determinata.

Quando si vuole diventare una mamma freelance, ci si deve trasformare in un vero e proprio caterpillar. È facile cedere alla disorganizzazione e rischiare di perdere tempo e focus tra le mille piccole cose. A casa tutto può diventare una distrazione se non siamo assolutamente determinate.. Quindi occorre restare concentrate e orientate all’obiettivo.

La costanza è l’arma vincente.

Mi viene in mente il picchio: per beccare il legno, continua a picchiettare sulla corteccia con 40 beccate ogni tre secondi. E questo è quello che dobbiamo tenere bene a mente quando ci imbarchiamo nell’avventura di diventare freelance e siamo anche mamme. Avere passione e determinazione non bastano: se non siamo regolari e sistematiche rischiamo di non raggiungere i risultati che ci aspettiamo.

La variabile tempo: per imparare e per lavorare.

Occorre, prima di tutto, darsi del tempo per imparare tutte le nuove competenze che serviranno per mettersi in proprio o per imparare la nuova professione scelta. Ad esempio, un’esperta di SEO mi ha confessato di averci impiegato circa 4 anni per diventare una professionista completa. È quindi necessario trovare il tempo per studiare. Durante il periodo di maternità, anche se siete stanche e con uno stipendio ridotto, potrai approfittarne per chiedere aiuto al partnero ad amici e parenti a per ritagliarti qualche ora libera per iniziare a studiare quello che ti servirà come mamma freelance.

È tutto pronto, ora bisogna iniziare!

Questo è il passo più difficile. Spesso si cercano alibi e scuse, si tergiversa perché in realtà il cambiamento fa paura. Ma con coraggio e senza ripensamenti occorre partire.

In sintesi e per la mia esperienza, iniziare una professione da freelance richiede determinazione, costanza, tempo e studio ma soprattutto amore per quello che decidi di fare! Perché, come dice Confucio: “Scegli un lavoro che ami e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua.”

Condividi nei commenti quali sono i tuoi progetti per diventare mamma freelance!

Seguimi sui social, pubblico contenuti su Youtube, Facebook e Instagram!

☀️#allegralu

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai gli aggiornamenti periodici delle mie iniziative e i pdf gratuiti della serie ENGLISH FOR PARENTS AND FAMILIES per cominciare a parlare inglese coi tuoi figli!

Avrò molto rispetto della tua casella di posta, ma potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice clic.