Come organizzarsi con i bambini quando è il momento di mangiare?

Far mangiare i bambini può essere vista come una “operazione” impossibile, ma non lo è!

In questa intervista non parleremo del mangiare sano, dell’importanza di frutta e verdura e dell’alimentazione dedicata ai bambini. Ci focalizzeremo sulle buone abitudini da assumere a tavola, come noi genitori possiamo essere un buon esempio per i nostri figli. In che modo rendere il pasto un momento di convivialità non solo tra mamma e papà, ma coinvolgendo anche i più piccoli.

Spesso la fase di preparazione del pranzo o della cena si rivela a dir poco difficile, non solo per la scelta di cosa mettere nel piatto, ma talvolta per la difficoltà di tenere a bada un bambino di quasi due anni. Questo è il mio caso, con “l’aggravante” che la cucina non è decisamente il mio punto forte!

A cosa mi riferisco quando parlo di problematiche legate al “far mangiare i bambini”?

  • capricci
  • sfide a tavola
  • buttare a terra i cibi
  • mischiare e pietanze nel piatto componendo dei veri “pasticci”

Ecco come le ore dedicate al pasto possono trasformarsi velocemente nella parte più faticosa della giornata.

Sono andata a trovare la pedagogista Marta Stella Bruzzone del blog “Mamme che fatica” proprio per farmi aiutare a capire come gestire i bambini piccoli durante pranzo e cena.

Le chiedo subito qualche consiglio valido per infondere un clima di serenità che coinvolga tutta la famiglia e tenga lontano il caos proprio nello slot temporale in cui ci si alimenta.

 

Come possiamo organizzare il momento del pasto con dei bambini in modo tranquillo
e senza impazzire?

  • Responsabilizzare e coinvolgere

Farsi aiutare dal bambino, piccolo o grande che sia.

Se è nel seggiolone possiamo coinvolgerlo anche semplicemente con la voce:
“Allora mi aiuti? Facciamo così? Tieni tu questo? Grazie”

Viceversa se è più grande, quindi in qualche modo un po’ più autonomo, chiediamogli di apparecchiare la tavola e mettere il suo cucchiaio, la sua posata o il suo biberon sul seggiolone, oppure sul tavolino.
Sono piccolissimi accorgimenti che però fanno, diciamo così, capovolgere la prospettiva e aiutano il bambino a rilassarsi perché, in qualche modo, si sente accolto e considerato.

Quando crescono è buona pratica dare per scontato che loro siano in grado di fare da soli perché è vitale per la psicologia infantile sentirsi grandi, utili e responsabili, proprio come noi.

 

  • Far osservare il bambino per imparare

Abbiamo citato la torre montessoriana e sottolineato che, oltre a coinvolgere i bambini facendoli “operare in autonomia”, è utile permettere loro di osservare. Guardare quello che facciamo noi genitori affinché possano apprendere e apprezzare.

 

  • Abbassare la voce

Per vivere il pasto con armonia un’altra cosa senz’altro benefica è controllare la voce, goderci anche dei momenti in silenzio in modo da rilassare il bambino. Vi è mai capitato di essere “isteriche” e di fretta? Ecco, questo accresce ansia e insofferenza nel piccolo.

 

  • Niente ansia se il bambino non vuole mangiare

Un altro suggerimento da mettere in pratica è di non insistere per ciò che viene mangiato o no, sarebbe bene oltretutto non presentare delle alternative ai cibi. Rifiutando un alimento non significa che non ci voglia bene o non apprezzi quello che abbiamo preparato, semplicemente può essere che non ne abbia voglia o che sia stanco.

 

  • Non proporre alternative al cibo in tavola

Non è giusto, dal mio punto di vista, preparare pietanze diverse perché in qualche modo abituiamo il bambino a poter scegliere e, per un bambino piccolo questa pratica può rivelarsi molto difficile. E’ più semplice avere una cosa e poterla mangiare.

 

  • Lasciare che i bambini facciano esperienza coi cibi

Per quanto concerne i “paciughi”, i cibi tutti mescolati nello stesso piatto, la dottoressa Bruzzone mi ha detto che dovremmo lasciarli sperimentare. Per noi genitori,
almeno per me, è piuttosto difficile, però è bene permettere loro di testare.

Il bambino deve poter fare quell’esperienza.

Un aspetto molto delicato che ha richiesto una puntata a parte riguarda il riconoscimento dei disturbi alimentari nei bambini. Ti invito a guardare il video se sei curioso di saperne di più.

 

Parliamo ora di sfide: quando i nostri bambini furbetti ci lanciano delle occhiate e buttano per terra degli oggetti, cosa possiamo fare per risolvere la situazione?

Molte volte si tratta di una sfida, i bambini sono bravissimi nel cogliere, nel capire fin dove possono sfidare l’adulto. Se in qualche modo quell’adulto si riesce a conquistare, oppure se è meglio “rigare dritto” e fare i bravi.
Quindi si tratta di comprendere se il bambino è stanco e insofferente durante il pasto serale, così come possiamo essere esausti noi, oppure se invece è solo una sfida magari orientata nei confronti della figura materna o paterna.

Quindi nella pratica che cosa possiamo fare per gestire le sfide?

  • Anticipare gli orari dei pasti e le provocazioni

Cerchiamo di fare prima il pasto, tutti insieme. Credo e trovo che sia importante abituarli alla convivialità e alla condivisione anche del momento legato alla nutrizione, altrimenti cresciamo dei bambini che poi non sapranno stare a tavola.
O necessariamente sentiranno la necessità di essere accompagnati da un tablet o da altre distrazioni.

Quando siamo alle prese con un bambino con atteggiamento provocatorio, adirato, cerco di anticiparlo e quindi di dire: “Allora adesso cosa succederà?
Facciamo proprio quella cosa lì? Vediamo un po’ se diventi arrabbiato anche tu o se mi arrabbio anch’io? Proviamo? Uno, due, tre…”.

A volte di spiazzarli può essere una strategia per trasmettere il messaggio che abbiamo capito. Rappresenta inoltre un modo per giocare insieme, tante volte i bambini chiedono proprio quello.

Nel video che ti segnalo mi sono occupata di raccogliere spunti interessanti su come crescere un figlio che parla con i genitori.

Ma giocando mentre poniamo dei limiti non sminuiamo l’interdizione facendola sembrare una cosa poco seria?

  • Apprendere con il gioco

Attraverso il gioco il bambino può capire quando sta esagerando e quando invece va bene così. “Ah ma insomma, allora vediamo un po’, vediamo un po’…” Sono espressioni per ironizzare e comprendere se attraverso il gioco il concetto viene trasmesso oppure se ha proprio bisogno di uno sguardo diverso dal solito che stimoli a contenersi.

 

Di seguito un prontuario di preziosi accorgimenti che la dottoressa Bruzzone ci enuncia per organizzarsi al meglio e far mangiare i bambini serenamente.

 

Buone abitudini per far mangiare i bambini in modo regolare

  • Pianifica pasti e spuntini a orari regolari

Le fasce orarie consigliate sono mezzogiorno e le 19, e in generale, rispettare gli orari dell’asilo nido.

 

  • Mangiare tutti insieme

Cercare di assumere pranzi e cene con il bambino, quindi creare un momento di convivialità anche con i genitori.
Noi adulti possiamo dedicarci un momento di privacy mangiando frutta e bevendo un caffè quando il bimbo è a letto.
Questa è un’organizzazione piuttosto difficile ma si può provare a perseguirla. Scopri tips utili per evitare la crisi di coppia!

 

  • Niente tv in cucina

Un’altra buona abitudine è non avere la tv in cucina o comunque tenerla spenta, proprio perché bisogna abbinare al pasto un momento di condivisione.

 

  • Non mettere il bambino al centro dell’attenzione

Altra osservazione interessante esposta dalla dottoressa è che il bambino durante il pasto non deve essere al centro dell’attenzione. Deve apprezzare, capire, imparare sin dai primi giorni che la cena è un momento di convivialità dove ognuno si racconta.

Questa pratica avrà poi dei risvolti positivi quando crescerà perché assimilerà e apprezzerà l’abitudine familiare.

 

Per concludere vi cito le parole con cui mi ha salutato la pedagogista Bruzzone:

 

“Ricorda AllegraLu che con i bambini bisogna essere sempre a disposizione, ma non a loro servizio e bisogna farli sentire sempre utili per cui responsabilizzarli.”

 

Seguimi sui social, pubblico contenuti su Youtube, Facebook e Instagram.
Se non vuoi perderti i prossimi video iscriviti al canale Youtube e ricordati di attivare le notifiche (cliccando sulla campanella).

☀️ #allegralu

 

Questa intervista è stata realizzata in collaborazione con MiMom.it

Lascia un commento

Social

Ora che mi hai trovato restiamo in contatto!

Vuoi la mia guida gratuita?

Iscriviti alla newsletter di allegraLu!

Ricevi subito la mia guida per crescere bambini bilingui: un quaderno pratico che ti aiuterà a introdurre subito una seconda lingua a casa. 

Inoltre riceverai il pacchetto “Risorse Extra” con altre routine da usare con i bambini per un percorso bilingue sempre stimolante e divertente.

Nella newsletter troverai mensilmente attività, giochi, letture e tanti suggerimenti per crescere bambini bilingui.

Leggi la Privacy Policy sul trattamento dei dati.